Didattica del pensiero creativo

    Questo volume documenta uno studio di caso costituito da elementi e strategie collaudate lungo un’esperienza decennale d’insegnamento universitario e di ricerca presso l’Università della Valle d’Aosta, nei corsi di Scienze della formazione primaria e Scienze dell’educazione con uno sguardo strabico: da una parte rivolto agli studenti, dall’altro a coloro che si occupano di didattica universitaria. Per gli uni dovrebbe rappresentare uno strumento di lavoro accessibile, puntuale, ma aperto, non esaustivo; per gli altri un’occasione di confronto, il contributo a un dibattito, non abbastanza vivace, rispetto al valore dell’innovazione e alla differenziazione dei metodi e delle forme che è indispensabile radicare anche nelle aule delle accademie. Il testo ripercorre i fondamenti della didattica indagandoli però attraverso strade nuove. La prima trasversalità è rappresentata dalla volontà di fecondare tutto il proprio operare, riflettere e teorizzare con il seme della creatività, come energia capacedi rigenerare la lettura del mondo, di combinare in modo sempre nuovo le competenze via via acquisite, le conoscenze apprese dai libri come dalle esperienze di vita.

    La seconda è il raccontare: nell’accadimento imprevisto trova perno e ragione unastoria, e nella vita scolastica sono innumerevoli le situazioni straordinarie alle quali abbiamo fatto fronte, che hanno creato ferite, o impresso volti e gesti indimenticabili: la vita di scuola domani non potrà che fare i conti con le nostre storie di scuola passate. Infine, in questo contributo sia nei meandri della scrittura, sia nei modi di organizzare i contenuti e di selezionare i materiali didattici, si respira una continua mescolanza tra scienza e arte: due sistemi di rappresentazione del mondo dove ilpensiero e il fare individuali scaturiscono, in divenire, da una costante negoziazione tra l’individuo con la sua identità in evoluzione e la cultura, la società di appartenenza, perché si inseguono da sempre, nella storia dell’uomo, anticipandosi a vicenda, rispecchiandosi, echeggiando i risultati dell’una sulle immagini dell’altra. In mezzo stanno le persone tutte più o meno fragili, tese verso il desiderio di capire, tentate dal demone mortifero dell’immobilità: allievi e insegnanti si devono muovere, accompagnandosi vicendevolmente, per fecondare nuove, più alte forme di vita.

    Per acquisti www.francoangeli.it

    © 2019 Creazione sito web MultiMediaVda | Web Agency ad Aosta

    Please publish modules in offcanvas position.